Prestiamoci: il credito diventa una questione privata

homepage prestiamoci

Prestiamoci è la prima startup finanziaria per chi investe e per chi chiede prestiti personali. La piattaforma web coniuga il mondo della sharing economy con le regole del sistema bancario.


—————————————————————————————————————————————–

Il mondo dei prestiti si rinnova: è nata l’italiana Prestiamoci, prima startup finanziaria innovativa che gestisce una piattaforma web per il credito fra privati e coniuga il mondo della sharing economy con le regole del sistema bancario. L’idea è semplice: il sito mette in contatto chi vuole investire e chi ha bisogno di un prestito per ristrutturare un appartamento, comprare un’auto, organizzare un matrimonio o pagarsi gli studi. Autorizzata da Banca d’Italia, Prestiamoci propone ai prestatori prestiti selezionati, mentre ai richiedenti offre tassi di interesse più bassi rispetto al mercato, con l’obiettivo di ottenere un rendimento maggiore del 6% annuo per tutti i prestatori. “Con gli investimenti fatti abbiamo allineato Prestiamoci per trasparenza e funzionalità ai modelli che stanno avendo maggiore successo nel mondo e negli Stati Uniti in particolare, ponendo allo stesso tempo forte attenzione alle particolarità del mercato dei prestiti in Italia”, ha detto Daniele Loro, presidente di Prestiamoci, sottolineando che la società intende “operare con responsabilità in un mercato di grande interesse”. Finora sono più di 450 i prestatori iscritti che hanno investito su Prestiamoci, per un totale di 360 prestiti per oltre 1,7 milioni di euro. Il prestito medio è di 5.000 euro. L’investimento attraverso la piattaforma può avvenire in due modi: manuale (chi presta sceglie tutte le caratteristiche dell’investimento, come durata, tasso, merito creditizio, presenza di altri debiti) o in automatico, delegando alla piattaforma la scelta dei prestiti per ottenere il rendimento desiderato. Chi investe con Prestiamoci mette a disposizione un capitale che viene suddiviso in quote: in questo modo tutti i prestatori diversificano le proprie scelte, riducendo il rischio e ottimizzando gli investimenti. “I prestiti personali sono da sempre esistiti, oggi con Prestiamoci la gestione del credito tipica delle banche si fonde con la velocità e le caratteristiche del digitale”, ha detto Michele Novelli, amministratore delegato di Prestiamoci e partner dell’incubatore Digital Magics, di cui la startup fa parte.

Authored by: Sfefania Arcudi